La nostra mission

Siamo skills designer, sviluppiamo framework e lavoriamo per attivare e muovere la conoscenza nella filiera che sostiene l’employability delle persone sia nei passaggi critici tra università e mondo del lavoro che all’interno di diverse istituzioni: impresa, impresa sociale e istituzione pubblica.
L’employability di una persona ha a che fare più col tempo che con lo spazio, è una questione di percorso più che di un posto. L’esperienza da cui partiamo indica che l’investimento in competenze e in abilità ha un valore condiviso che genera cambiamento se si attiva l’imprenditorialità personale di ciascun attore e se prevale un dialogo organizzativo. Le strategie di apprendimento individuale e le strategie di sviluppo delle organizzazioni  indicano il potenziale punto critico del cambiamento.
Con attenzione a Employability, Innovazione e Sostenibilità collaboriamo nella progettazione di nuovi framework  per la formazione  e ricerca-intervento di imprese e di istituzioni orientate alla crescita.
MaUnimib è formata da skills designer di capabilities for employability.

Il team

giorgio-beltrami

Giorgio Beltrami

Docente a contratto presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca, si è laureato presso l’Università Cattolica di Milano dove ha anche conseguito un Master. Impegnato in progetti di ricerca a livello nazionale e internazionale su temi tipici come servizi è anche impegnato in attività di consulenza organizzativa presso aziende, realtà no profit, associazioni e anche PA. Facilitatore LEGO® SERUOUS PLAY® e esperto di Service Design ne utilizza le tecniche per il miglioramento delle performance organizzative.

cavenagoDario Cavenago

Professore Ordinario di Economia Aziendale presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Fa parte del Comitato scientifico del CRISP (Centro di Ricerca interuniversitario sui servizi di pubblica utilità) ed è partner di Tabulaex, spin-off della stessa università. I suoi studi sono indirizzati principalmente ai temi della gestione di processi di cambiamento aziendale in contesti a carattere federativo, del capitale umano, del ruolo dei sistemi di controllo ed i rischi di fallimento nel caso di istituzioni del settore non profit, dei piani strategici e lo sviluppo delle città e dell’applicazione della services science nei processi di governance di servizi pubblici.

elisabetta-marafiotiElisabetta Marafioti

Professore Associato di Economia Aziendale presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca e Direttore del Master in International Business Development – MAIB dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. È stata visiting fellow del Department of management di Insead e visiting researcher presso la Queens University School of Business (Canada). I suoi studi sono indirizzati principalmente ai temi delle alleanze e network, strategie di internazionalizzazione, mercati emergenti e modelli di gestione dei servizi.

laura-marianiLaura Mariani

Ricercatore TD in Economia Aziendale presso l’Università di Bologna.  Ha un dottorato di ricerca in Economia Aziendale conseguito presso l’Università Carlo Cattaneo – Castellanza, e una laurea in Economia ottenuta presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. I suoi interessi di ricerca riguardano il management del non profit, delle imprese sociali e delle aziende sanitarie, la progettazione e dei servizi di welfare e la misurazione di performance.

mattia-martiniMattia Martini

Docente e assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, ha conseguito il dottorato di ricerca in “Società dell’informazione” presso lo stesso Ateneo. È esperto di organizzazione, management e mercato del lavoro e gli ambiti applicativi della sua ricerca riguardano i servizi alla persona, nelle aree del lavoro e della sanità, e i sistemi di gestione e sviluppo del capitale umano.

benedetta-trivellatoBenedetta Trivellato

Ricercatrice TD in Economia aziendale presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca. E’ laureata in Economia Politica presso l’Università L. Bocconi, Milano, ha conseguito un MSc in Economics for Development presso l’Università di Oxford, UK, e il dottorato di ricerca in Società dell’Informazione presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca. I suoi principali interessi di ricerca includono: governance urbana e pianificazione strategica, co-design dei servizi pubblici e della strategia della città, innovazione nella governance e nei sistemi pubblico-privati di erogazione dei servizi, innovazione sociale.

ginevraGinevra Villa

Responsabile Stage e Placement dei Master MACU e MADIM. Laurea in Storia Contemporanea alla Statale di Milano. Master in Management per lo Sviluppo del Capitale Umano. E’ stata Responsabile Diritti e Acquisizioni per la casa editrice Feltrinelli, docente al Master per Redattori Editoriali all’Università degli Studi di Urbino.  E’ autrice di “Ebook nel contratto. Come cambiano i diritti nell’editoria digitale” edito da Apogeo Editore. Da sempre attenta a Sviluppo e Formazione, Talento, Negoziazione, Social HR e Digital Transformation.

Metodi di lavoro

Capitalizzando al meglio l’esperienza maturata nelle molteplici esperienze professionali e accademiche sia a livello individuale che di team pluridisciplinare, MAUNIMIB è in grado di offrire a tutte le organizzazione una vasta gamma di tools utili a sviluppare soluzioni personalizzate, efficaci e innovative per incrementare le performance organizzative e individuali.

Tra i tools più richiesti e utilizzati ricordiamo:

LEGO® SERIOUSPLAY® (LSP)

Il metodo LSP è progettato per migliorare e incrementare le performance di team e organizzazioni impegnati nella ricerca di soluzioni innovative e condivise attraverso la valorizzazione del contributo di tutto. Veloce, coinvolgente e di grande impatto il metodo nasce in LEGO® nei primi anni duemila ed è oggi utilizzato in tutto il mondo con ottimi risultati. Da diversi anni il metodo è entrato a far parte dei tools offerti da MAUNIMIB per agevolare e supportare le organizzazioni impegnate nella ricerca di soluzioni efficaci e innovative. Di seguito solo due dei molteplici casi in cui il metodo è stato usato con profitto.

CASO 1
: co-progettare per co-creare valore
lego-serious-play-metodologia

Il metodo LEGO SERIOUSPLAY è stato usato all’interno del corso di Management e Design dei Servizi (MAGES) per riprogettare i servizi della Biblioteca di Ateneo con un gruppo di studenti al secondo anno. Attraverso il metodo è stato possibile in modo veloce e coinvolgente definire alcuni elementi chiave del progetto: profilo degli end users, stakeholder, deliverable (soluzioni e servizi offerti dalla Biblioteca) e competenze del team di progetto necessarie alla gestione dello stesso.

CASO 2: attivare il cambiamento

In un’azienda di ICT leader nella consulenza e nei servizi a banche ed assicurazioni, nasce l’esigenza di avviare un profondo lego-serious-play-tools-skillsprocesso di cambiamento e innovazione attraverso un processo di valorizzazione del contributo di tutti i livelli aziendali per affrontare al meglio le sfide di una rapida crescita (non solo crescere, ma come crescere), motivare le persone. La soluzione è stata quella di organizzazione di 4 workshop Lego Serious Play (LSP) finalizzati a far emergere gli elementi chiave per attivare e governare un processo di cambiamento efficace: assestare il presente (riletto attraverso il Business Model Canvas), sviluppare linee guida attraverso la revisione di operations e KPI al fine di renderli più aderenti e funzionali ai fabbisogni aziendali e al mercato e, infine, trasmissione, socializzazione e condivisione con tutto il personale.

Tecniche per l’innovazione e l’analisi dei processi innovativi

Attingendo a tecniche tipiche del Service Design e a soluzioni sviluppate in contesti di ricerca internazionale, MaUnimib propone diversi strumenti per l’autovalutazione della capacità di innovazione delle organizzazioni.

a. Communication ToolKit

Utilizzando una approccio tipico del visual management e del learning by doing, il metodo consente di effettuare sia un processo di autovalutazione del livello di innovazione di beni, servizi, processi e communication-toolkit-skillsmetodi di marketing organizzativi sia un’attività di banchmark con il competitor di riferimento rispetto ad alcuni temi competitivi tipici: functionalities, style and esthetic, brand identity, delivery to customers and sales price. Di utilizzo intuitivo, lo strumento risulta molto efficace sia in termini di analisi che di sviluppo di azioni per lo sviluppo innovativo quale reale vantaggio competitivo. Utilizzando mappe e carte concettuali i partecipanti vengono velocemente e attivamente ingaggiati nel processo di analisi e valutazione del posizionamento competitivo aziendale derivante dalla capacità di sviluppare innovazione.

CASO: il gruppo di midle management di una società di consulenza e servizi alle aziende ha utilizzato lo strumento per verificare sia lo stato di innovatività di beni e servizi offerti ai clienti sia il posizionamento competitivo rispetto al principale competitor di riferimento. Il risultato è stato, da un lato, quello di una analisi e diagnosi delle aree di innovazione più deficitarie e, dall’altro, la definizione di un piano di azioni per superare gap specifici che rallentano la capacità innovativa dell’azienda.

b. CASI Framework, CASI F

Alcuni membri di MAUNIMIB sono coinvolti nel progetto europeo CASI (FP7) il cui fine codificare uno strumento di valutazione (CASI F) di alcune variabili tipiche di un processo di innovazione sostenibile in ambito sociale, tecnologico ed ambientale. A valle di una dettagliata mappatura del progetto, CASI F mira ad analizzare – attraverso matrici dedicate – diverse dimensioni tipiche del processo di innovazione: natura delle relazioni e modalità di coordinamento con gli stakeholder a livello strategico, tattico e operativo; serie azioni possibili definite per livelli (strategico, tattico e operativo) e per stakeholder; un action plan di azioni prioritarie da attuare a breve, medio e lungo periodo attraverso l’analisi del contesto, delle risorse disponibili e degli impatti attesi. Lo strumento risulta particolarmente utile ed efficace per attivare un processo interno di riflessione sui livelli e le variabili organizzativi coinvolti nello sviluppo di progetti di innovazione sostenibile.

Sul sito di CASI sono consultabili diversi progetti analizzati attraverso CASI F.

c. Mappe mentali e Matrici di scoperta

Le Mappe mentali come pure le Matrici di scoperta sono strumenti utili ad ingaggiare, in modo attivo, team impegnati nella tools-metodologia-skillsricerca di soluzioni innovative. Attraverso le mappe mentale e le matrici di scoperta si innesca un processo di “creative problem solving” che forza il cervello a riformulare e ricombinare gli elementi del problema in oggetto in modo innovativo generando soluzioni nuove e, in molti casi, assolutamente impreviste.

CASO: una multinazionale delle telecomunicazioni aveva necessità di ridefinire gli elementi propri di una leadership efficace. E’ stato così organizzato un percorso di “creative problem solving” che a partire dalle mappe mentale quale strumento per la riformulazione degli elementi tipici di una leadership efficace ha poi identificato, attraverso matrici di scoperta, azioni concrete per ridefinire una nuova leadership efficace.

3. Project Management e project canvas

La complessità in cui ormai tutte le organizzazioni operano richiede un approccio metodologicamente rigoroso e capace di garantire risultati tangibili. In tal senso MaUnimib ha inserito il Project Management (PM) tra i contenuti didattici offerti all’interno dei Corsi di Laurea e dei Master come pure tra gli strumenti utilizzati per impostare soluzioni e progetti tangibili, efficaci e innovativi. Oltre ai contenuti tipici del PM, uno strumento di particolare efficacia è il project canvas: una mappa concettuale che consente di definire in modo intuitivo, veloce e immediato i requirements di progetto.

project canvas

4. Analisi dei processi aziendali, es Blueprinting

Più volte è stato richiesto a MaUnimib lo sviluppo di progetti di valorizzazione del capitale umano. In ogni progetto il punto di partenza è stato l’analisi e la codifica approfondita del contesto organizzativo e dei processi decisionali e dei flussi comunicativi. In tal senso l’utilizzo di uno strumento come il Blueprinting ha consentito una mappatura puntuale di tutti gli elementi tipici dei processi analizzati: i punti di contatto con gli users, le evidenze, i macro processi, le attività di front office, le attività di back office e, infine, i processi di supporto.

CASO: Al fine di migliorare il livello e la qualità di risposta alla domanda del mondo del lavoro di profili coerenti con le necessità produttive, una importante società di somministrazione ha incaricato MaUnimib di effettuare una profonda mappatura dei processi aziendali coinvolti attraverso interviste e analisi documentali. Il risultato ottenuto ha consentito all’azienda di avviare un’approfondita riconsiderazione dei processi organizzativi coinvolti nelle attività di somministrazione e di impostare una serie di azioni di miglioramento e sviluppo incrementare il vantaggio competitivo con i competitor di riferimento.

Valore aggiunto dell’approccio proposto dal team di MaUnimib è l’estrema modularità e personalizzazione di strumenti e tecniche che, a valle di una approfondita analisi dei fabbisogni organizzativi, possono essere erogati in combinazioni sempre nuove ed efficaci.

Inoltre il network di MaUnimib può contare su un ampio network di professionisti e specialisti che, in presenza di necessità specifiche, possono essere attivati.