IV Edizione del master: iscrizioni aperte da giugno a settembre 2018!

MADIM-logo-tr

Mission

La trasformazione digitale che sta investendo le imprese di tutti i settori industriali ed economici implica la necessità di saper gestire il cambiamento innescato dalla digital revolution.
Sempre più spesso le aziende si trovano a dover innovare modelli di business, digitalizzare processi, prodotti e servizi al fine di acquisire un vantaggio che permetta loro di rimanere competitive sul mercato.
Il Master MADIM intende rispondere a questa esigenza attraverso la formazione di Manager e Specialisti della digital transformation.

A chi si rivolge

Il Master di I° livello MADIM è un programma per chi voglia specializzarsi nell’ambito del Management, acquisendo le competenze necessarie per gestire le sfide che la digital transformation pone a modelli di business, processi organizzativi, prodotti e servizi. Il Master MADIM si rivolge principalmente a laureati e laureandi di I livello provenienti da diverse facoltà, in particolare da scienze sociali ed economiche, scienze della comunicazione e ingegneria.
Il Master MADIM si rivolge anche a persone che già lavorano in azienda e che intendono introdurre nel proprio contesto lavorativo innovazioni legate al mondo digital e social.

Sbocchi professionali

Al termine del percorso lo studente potrà cogliere opportunità occupazionali come project manager, in ambito innovation, organizzazione, comunicazione, marketing e branding, essendo in grado di supportare i processi di trasformazione digitale nelle funzioni chiave delle aziende – pubbliche, private e del non profit – di piccole, medie e grandi dimensioni.
Principali figure di sbocco professionale per gli studenti del Master MADIM:

  • Digital Innovation Manager
  • Community Manager
  • Digital Consultant
  • Digital Media Specialist
  • Digital Brand Specialist
  • Digital Public Relation (PR)
  • Digital Marketing Specialist
  • Social Media Manager
  • Innovation Manager
  • Projet Manager
  • Web analyst
  • E-commerce Manager

 

Struttura del master

Lezioni

Progetti

Stage

Le lezioni, i laboratori e le esercitazioni si tengono il mercoledì, giovedì e venerdì (dalle 9.00 alle 16.00) in modalità blended-learning (50% lezioni in aula, 50% di attività utilizzando la piattaforma e-learning di Ateneo ed altri social media per garantire l’interazione).

  • Lezioni frontali e esercitazioni e/o Laboratori: 304 ore (38 CFU)
  • Stage: 500 ore (20 CFU)
  • Prova finale: 2 CFU

Il partner strategico di MADIM

L’Accademia ABADIR nasce nel 1992 per iniziativa privata ed è un’istituzione legalmente riconosciuta dal MIUR.

ABADIR ha all’attivo un Dipartimento di Design, cui afferisce un corpo docente di professionisti, che ha l’obiettivo di diffondere la cultura del progetto sia attraverso la formazione (corsi di laurea triennale, master di primo livello e laboratori) sia con attività parallele utili a generare consapevolezza sull’importanza del progetto nella dimensione contemporanea.

All’interno del Master MADIM, ABADIR affianca alle lezioni teoriche di ogni modulo, un fronte di attività di progetto da svolgere in collaborazione con importanti aziende.

Programma didattico

Introduzione al Management

Introduce i concetti fondamentali di management e strategic management e il dibattito sul tema del business model e di misurazione delle performance. Abbinato un progetto da svolgere sulle stesse tematiche in modalità blended.

Strategia

Il corso focalizza l’attenzione sui temi delle strategie per la crescita lavorando sui diversi vettori di crescita aziendale ed aprendo o spazio alle tre focalizzazioni dei percorsi di specializzazione del master. Il modulo fornisce diverse prospettive e strumenti per le imprese e la gestione strategica, inclusa la conoscenza di come innovare i modelli di business e delle teorie di gestione strategica legate imprese ed organizzazioni in diverse situazioni e fasi di sviluppo. Abbinato un progetto da svolgere in modalità blended in collaborazione con un hub che permetta il contatto e la collaborazione con realtà aziendali operanti in settori diversi sviluppando progetti ad alto tasso di innovazione.

Organizzazione

People management e innovazione aziendale, design organizzativo ed architetture organizzative e processi di innovazione. Abbinato un progetto da svolgere sulle stesse tematiche in modalità blended: progettazione di una piattaforma online di networking.

Soft Skills

Gestione del team, negoziazione, leadership, comunicazione interpersonale, cross cultural management, public speaking, change management, project management. Abbinato un progetto in modalità blended da sviluppare in team nel quale gli studenti dovranno confrontarsi con attività di project management, team building e leadership.

Digital Management

Innovazione digitale e impatto su business model innovation. Lavorare con IT governance , strategia, progettazione , sviluppo organizzativo e lo sviluppo di nuovi servizi , sia in aziende private e organizzazioni pubbliche. Abbinato un progetto da svolgere sulle stesse tematiche in modalità blended. Analisi in profondità e interpretazione di big data di un’azienda del settore IT.

Social Media

Rivoluzione social media (web 2.0 e 3.0) e impatto su business model Innovation. Gli studenti apprenderanno ad utilizzare concetti dell’antropologia, della Scienza e delle Tecnologie che supportano il lavoro cooperativo e gli studi strategici ed organizzativi per analizzare fenomeni globali e le trasformazioni relative a IT. Ideazione e sviluppo di una campagna di social media marking per un’azienda:

  • Analisi di benchmark
  • Definizione degli obiettivi e KPI
  • Content strategy, policy aziendale e crisis management
  • Sviluppo del piano editoriale
  • Monitoraggio
  • Misurazione dei risultati

Big Data e performance measures a supporto dei processi aziendali

Il corso si pone l’obiettivo di fare acquisire dimestichezza all’uso di strumenti analitici a supporto del processo decisionale aziendale. Web analytics and big data; Dati: metriche e dimensioni; Strumenti e metodi di analisi; Google Analytics: implementazione, configurazione ed analisi dei dati.

Stage

Il Master MADIM prevede uno stage di 3 mesi in aziende di media/grande dimensione. In caso di studenti lavoratori, lo stage sarà costituito da un Project Work che potrà essere svolto presso l’azienda di provenienza.

Lo stage è obbligatorio ed è da considerarsi parte integrante del percorso formativo. Esso rappresenta infatti un’esperienza fondamentale per mettere in pratica quanto appreso in aula e un’occasione per confrontarsi con il mondo del lavoro.

Per queste ragioni il team di MADIM dedica molta attenzione alla selezione delle aziende con cui collabora, verificando che il tipo di esperienza di stage proposta sia coerente con gli obiettivi formativi del Master.

Career Development Program

Il Career Development Program si struttura in una serie di servizi, svolti con l’ausilio di specialisti e di aziende, dedicati ai partecipanti del Master con lo scopo di facilitare il loro inserimento nel mondo del lavoro:

  • Colloquio individuale preliminare
  • Flora Employability Assessment
  • Definizione dell’obiettivo professionale
  • Tecniche per la costruzione efficace del CV e CV Check
  • Tecniche di selezione
  • Simulazione colloqui 
  • Diritti e doveri dei lavoratori
  • Colloqui di orientamento stage
  • Monitoraggio stage (intermedio e finale)

Organizzazione

Il Master in Management e Digital Transformation è pensato come un programma di formazione part time erogato in modalità blended in cui momenti di didattica frontale (offline) si alternano ad attività progettuali svolte sulla piattaforma digitale (online). Il percorso formativo è strutturato in 7 moduli.
Ciascun modulo didattico è composto da una parte teorica frontale, sviluppata dai docenti dell’Università degli studi Milano-Bicocca, e una parte progettuale in collaborazione con le aziende.
Tale modalità permette ai partecipanti di mettere in pratica, modulo per modulo, le competenze teoriche acquisite e sviluppare le soft skills utili alla gestione dei progetti, applicando le capacità tipiche del project manager.
Inoltre, il lavoro svolto sulla piattaforma digitale Google+ e sulla piattaforma e-learning Bicocca consente di potenziare la capacità di relazionarsi a distanza (docenti, studenti e aziende) sfruttando l’elemento della community come laboratorio virtuale di collaborazione e team working.

Al termine di questo percorso è previsto un periodo di stage.

Iscrizioni

Le iscrizioni alla 4ª edizione del Master MADIM sono aperte da metà giugno a metà settembre 2018. Per partecipare alle selezioni di ammissione alla 4° edizione del Master occorre inviare domanda secondo le modalità indicate nel bando, disponibile a breve sul sito dell’Università, a questo link.

Contatti del Master MADIM

Puoi contattarci inviando una mail a madim@unimib.it. Per maggiori informazioni puoi visitare la pagina del master sul sito dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Non dimenticarti di seguire la nostra pagina Linkedin, Facebook, Instagram e Twitter per aggiornamenti.

Ammissione e quota d’iscrizione

Il Corso si rivolge ai candidati che abbiano un titolo di Laurea universitaria (triennale o magistrale) di qualsiasi disciplina. Il Comitato di Coordinamento sceglierà, sulla base del Curriculum Vitae, di un video di presentazione della durata di massimo 3 minuti e di un colloquio conoscitivo, un massimo di 30 candidati.

La quota di partecipazione è di € 4.000,00.

Il conseguimento del Master MADIM dà la possibilità di accedere, con riconoscimento dei crediti, al corso di laurea magistrale in Management e Design dei Servizi – MAGES.

Alumni di MADIM

Fondamentale è stata anche la quantità e il valore delle relazioni instaurate durante il corso non solo con colleghi e docenti ma anche con le aziende.

Ida BelliniI Edizione Master MADIM

Il Master MADIM mi ha dato la possibilità di imparare a gestire l’intero svolgimento di un progetto in collaborazione con un team.

Giulia CasiraghiI Edizione Master MADIM

Il bello di questo Master: la formula blended learning, la possibilità di interagire con professori e
professionisti del mondo della sharing e digital economy, le competenze di digital marketing e di project management.

Stefano ScottiI Edizione Master MADIM

Consiglierei il Master per il particolare approccio alla conoscenza e all’apprendimento, oltre che per il fatto che permette di rimanere aggiornati nel settore della comunicazione digitale che è in continua evoluzione.

Marta CamussaI Edizione Master MADIM

Il Master MADIM è stata un'esperienza fantastica. Ho conosciuto delle splendide persone e lavorato fianco a fianco ai miei compagni su numerosi progetti. Ho imparato cosa vuol dire lavorare in team e come relazionarmi con le aziende.

Enrico Mauro II Edizione Master MADIM

Al MADIM mi sono confrontata con docenti e compagni al fine di gestire le problematiche che derivano dalla realizzazione di un progetto. Grazie al Career Development Program mi sono preparata all’ingresso nel mondo del lavoro. Il MADIM mi ha aiutato a sviluppare idee, a cercare soluzioni innovative e ad abituarmi all’utilizzo di diverse piattaforme digitali.

Camilla KiszkaII Edizione Master MADIM

Consiglierei questo Master perché mi ha aperto la mente, permettendomi di sfruttare a pieno le competenze già in mio possesso e di acquisirne di nuove oltre che per la possibilità di ottenere la certificazione base in project management. Questa è solo una piccola anticipazione, il resto lo lascio scoprire a voi!

Benedetta LeoniII Edizione Master MADIM

Il MADIM mi ha permesso di completare la mia formazione universitaria, accrescendo le mie competenze nell’ambito della Digital Revolution. Con il Master MADIM ho migliorato le mie skill comunicative e grazie ai progetti svolti insieme a professionisti, sono entrata in diretto contatto con le realtà aziendali.

Tatiana Adele D'OnofrioII Edizione Master MADIM

Sono stata una studentessa di Scienze dell’organizzazione in Bicocca. Una volta conseguita la Laurea triennale ho deciso di voler perfezionare il mio percorso a livello pratico. Ho scelto il master MADIM in quanto offre la possibilità concreta di formarsi in azienda tramite stage. Il processo di assessment è stato fondamentale per riuscire a capire le mie attitudini e trovare un’azienda che mi sta facendo toccare con mano la realtà della trasformazione digitale. Ringrazio tutti i docenti e in particolare Ginevra Villa per avermi seguito in tutte le fasi del progetto.

Arianna GrecoIII Edizione Master MADIM

Il bello del Master MADIM è avere la possibilità di mettersi alla prova in diversi progetti, avendo dei tutor sempre pronti a guidare i loro studenti con i loro preziosi consigli. MADIM è un'esperienza bellissima. Averne preso parte ha sicuramente cambiato il mio punto di vista su moltissime cose.

Beatrice GussoniIII Edizione Master MADIM

Il MADIM mi ha fornito una visione approfondita e diretta di quello che è oggi il mondo del lavoro e di come si sta trasformando. Ciò che più mi ha sorpreso è stato capire come le aziende siano alla ricerca di persone che abbiano anche le soft skills necessarie per affrontare la dinamicità e i cambiamenti del mondo lavorativo. Se tornassi indietro rifarei la scelta del MADIM: l'esperienza in aula mi ha riportato in una situazione di "classe" in cui oltre ad approfondire le mie competenze e venire a conoscenza di mondi a me sconosciuti, ho stretto dei forti legami con i miei compagni. L'esperienza di stage mi sta immergendo nel mondo della digital transformation dandomi la possibilità di aiutare le aziende che vogliono apportare dei cambiamenti al loro interno tramite un'attività di consulenza.

Giuseppe CinieroIII Edizione Master MADIM

Ho scelto il Master MADIM per approcciarmi quanto più possibile alle logiche della Digital Transformation e per inserirmi nelle dinamiche del mondo del lavoro, raggiungendo il risultato sperato.
Lo svolgimento di progetti di gruppo per ogni modulo è stato interessante ed innovativo e mi è stato utile per acquisire consapevolezza sui miei punti di forza e sugli aspetti da migliorare.

Pasquale BrignolaIII Edizione Master MADIM

Accedere al Master MADIM è stato un vero e proprio ritorno sui banchi, dopo aver lavorato in Banca. Il Master mi ha dato la possibilità di conoscere e lavorare con colleghi fantastici con i quali ho instaurato un rapporto anche al di fuori dell'Università. Numerosi sono stati i progetti che ci sono stati affidati e questo mi ha consentito di apprendere una visione strategica dei nuovi modelli di business in ottica della digital transformation. Il MADIM mi ha dato inoltre la possibilità di accedere allo stage presso una importante multinazionale di comunicazione, nella quale sto mettendo in pratica quanto appreso. Aver partecipato al Master mi ha arricchito sia umanamente che professionalmente. Un sincero grazie a tutti i partecipanti della terza edizione del MADIM!

Fabrizio MontemagnoIII Edizione Master MADIM

Dalla splendida Sicilia ho scelto di trasferirmi a Milano per seguire il Master MADIM perché volevo comprendere meglio le logiche della digital trasformation e del management. L’esperienza del MADIM è stata entusiasmante. Il Master è una grande opportunità per mettersi in gioco attraverso vari progetti e per sperimentare le proprie capacità attraverso dinamiche di gruppo e lavoro in team. Fondamentali sono stati i “compagni di avventura” di questo Master poiché provenendo da studi diversi abbiamo avuto la possibilità di arricchirci a vicenda e crescere sotto molto aspetti.

Giulia IntagliataIII Edizione Master MADIM

Ho scelto MADIM perché volevo acquisire le competenze di gestione necessarie ad essere un buon manager nei tempi della digitalizzazione.
Analisi, problem solving, leadership e lavoro di squadra hanno accompagnato il percorso in continue sfide di progetto tra gruppi sempre in competizione. Un gioco continuo a chi presenta meglio l'idea migliore. Il Master MADIM mi ha arricchito e mi ha permesso di crescere in maniera dinamica.

Andrea BellandiIII Edizione Master MADIM
Elisabetta Marafioti

Elisabetta Marafioti

Direttore MADIM

E' professore associato di Economia aziendale presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca e Vice Presidente della Laurea Magistrale in Management e Design dei Servizi. È stata visiting fellow del Department of management di Insead e visiting researcher presso la Queens University School of Business (Canada). I suoi studi sono indirizzati principalmente ai temi delle alleanze e dei network, strategie di internazionalizzazione, mercati emergenti e modelli di gestione dei servizi.

Aurora Rapalino

Aurora Rapalino

Coordinatore MADIM

Progettista, si occupa delle relazioni tra design, social media e formazione.
E’ laureata in Disegno Industriale al Politecnico di Torino e consegue un Master of Science in Interaction Design alla Delft University of Technology (TUDelft) nel 2012. Ha studiato anche alla Konstfack University, al Royal Institute of Technology (KTH) di Stoccolma, e alla Tongji University di Shanghai. Partner e CEO della società di design e comunicazione IdLab nella quale si occupa del coordinamento di tutte le attività di progetto.

Ginevra Villa

Ginevra Villa

Responsabile Career Development Program e Placement MADIM

Laurea in Storia Contemporanea, Master in Management per lo Sviluppo del Capitale Umano e diploma di Executive Coaching ACTP.
E' stata Responsabile diritti e acquisizioni per l'editore Feltrinelli e docente al Master per Redattori Editoriali all’Università degli Studi di Urbino.
E' autrice di “Ebook nel contratto. Come cambiano i diritti nell’editoria digitale” edito da Apogeo Editore.

I Docenti

Roberto Boselli

roberto.boselli@unimib.it
PhD in Società dell’Informazione. È attualmente ricercatore non confermato nell’area scientifico disciplinare ING-INF/05 (Sistemi di elaborazione delle informazioni), presso il Dipartimento di statistica e metodi quantitativi, Università degli Studi di Milano-Bicocca. La sua attività scientifica e didattica si è concentrata sulle seguenti tematiche: sistemi informativi di gestione della conoscenza, Semantic Web, Web 2.0, servizi di e-government.

Paolo Brusaferri

paolo.brusaferri@unimib.it
Professore a contratto e docente del Laboratorio di impresa del corso di Laurea in Scienze dell’organizzazione dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Formatore in corsi di Project Management. E’ responsabile della campagna “Giovani al lavoro” della Fondazione “Mission bambini” Onlus. E’ stato responsabile servizi Telecom Italia NSN e responsabile servizi ed implementation in Nokia.

Gaspare Caliri

gaspare.caliri@gmail.com
Semiologo di formazione, service designer, co-fondatore di snark-space making e socio di Kilowatt. Si occupa di percorsi di co-progettazione e processi decisionali collettivi, design dei servizi e community engagement. Co-fondatore di CUBE (Centro Universitario Bolognese di Etnosemiotica) e coordinatore di SentireAscoltare, rivista di critica musicale.

Ida Castiglioni

ida.castiglioni@unimib.it
E’ docente di Comunicazione interculturale presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e presso l’Istituto di comunicazione interculturale di Portland, Oregon (U.S.A.). Insegna inoltre presso la Facoltà di Medicina dell’Università degli Studi di Milano e nel Master interuniversitario in “Analisi e gestione di progetti di sviluppo”. E’ consulente di formazione e progettazione interculturale per vari enti profit e no-profit in Italia e all’estero.

Dario Cavenago

dario.cavenago@unimib.it
Professore Ordinario di Economia Aziendale presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Fa parte del Comitato scientifico del CRISP (Centro di Ricerca interuniversitario sui servizi di pubblica utilità) ed è partner di Tabulaex, spin-off dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. I suoi studi sono indirizzati principalmente ai temi della gestione di processi di cambiamento aziendale in contesti a carattere federativo, del capitale umano, del ruolo dei sistemi di controllo ed i rischi di fallimento nel caso di istituzioni del settore non profit, dei piani strategici e lo sviluppo delle città e dell’applicazione delle services science nei processi di governance di servizi pubblici.

Alberto Daprà

alberto.dapra@gmail.com
Professore a contratto di Management e Strategia Aziendale e docente di Management nei Master in Business Intelligence & BDA e nel Master in International Business Development dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Project Manager di progetti di ricerca internazionali nell’ambito delle tecnologie ICT e della Business Intelligence, in passato è stato senior manager di importanti aziende internazionali attive nel mercato IT, tra cui TXT e Lombardia Informatica e coordinatore delle unità di Ricerca e Innovazione delle società. Aree di ricerca : Management, Strategia, Digital Strategy, CRM e CPM, BI & Big Data, e-health ed e-government.

Alvise De Sanctis

Esperto in sviluppo urbano e smart city. E’ stato Responsabile della comunicazione di Expo in città. Ha coordinato numerosi progetti come lo studio di fattibilità per il Padiglione Informativo di Expo 2015, il recupero di Cascina Cuccagna, progetti per MITO SettembreMusica, l’Italian Academy Foundation di New York e il teatro alla Scala di Milano. Attualmente si occupa della valorizzazione turistica del villaggio operaio Crespi d’Adda, sito del patrimonio dell’Unesco.

Lucia Giuliano

l.giuliano@abadir.net
E’ direttore dell’Accademia di Design e Arti VIsive Abadir, all’interno della quale ha attivato la ricerca sul progetto fondando nel 2010 il Dipartimento di Design in collaborazione con Vanni Pasca.
Si è formata in architettura tra l’Università di Palermo e la ETSAB di Barcelona. Dal 2000 al 2010 ha ha lavorato come architetto pressp lo studio Arata Isozaki Y Asociados di Barcellona, dove ha ampliato i propri interessi orientandoli verso le intersezioni tra architettura, cultura contemporanea, territorio e società. Insieme a Stefano Mirti è direttore scientifico del Master Relational Design.

Elisabetta Marafioti

elisabetta.marafioti@unimib.it
E’ professore associato di Economia aziendale presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca e Vice Presidente della Laurea Magistrale in Management e Design dei Servizi. È stata visiting fellow del Department of management di Insead e visiting researcher presso la Queens University School of Business (Canada). I suoi studi sono indirizzati principalmente ai temi delle alleanze e dei network, strategie di internazionalizzazione, mercati emergenti e modelli di gestione dei servizi.

Laura Mariani

laura.mariani@unimib.it
Ricercatrice presso l’Università degli Studi di Bologna di area economia aziendale e management. Ha un dottorato di ricerca in Economia della Piccola e Media Impresa conseguito presso l’Università Carlo Cattaneo di Castellanza, e una laurea in Economia Aziendale ottenuta presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. I suoi interessi di ricerca riguardano il management delle aziende non profit, la progettazione e dei servizi di welfare, performance management e l’effetto del contesto istituzionale sulle attività aziendali.

Mattia Martini

mattia.martini1@unimib.it
Ha conseguito il dottorato di ricerca in “Società dell’informazione” ed è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. È esperto di organizzazione, management e mercato del lavoro e gli ambiti applicativi della sua ricerca riguardano i servizi alla persona, nelle aree del lavoro e della sanità, e i sistemi di gestione e sviluppo del capitale umano.

Mario Mezzanzanica

mario.mezzanzanica@unimib.it
Professore Associato di Sistemi Informativi presso il Dipartimento di Statistica e Metodi Quantitativi dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. È esperto di problemi di supporto decisionale e innovazione nell’area dei servizi con particolare attenzione ai servizi di pubblica utilità. È autore di numerose pubblicazioni scientifiche su libri e riviste nazionali e internazionali. È Direttore Scientifico del CRISP. Le aree primarie di interesse per l’attività scientifica sono quelle della progettazione dei sistemi informativi distribuiti e dei sistemi informativi statistici per il supporto decisionale dove ha svolto diverse attività di ricerca che hanno dato luogo a pubblicazioni scientifiche su riviste e atti di congressi nazionali e internazionali.

Alessandro Mininno

alessandro@gummyindustries.com
Alessandro Mininno lavora da Gummy Industries, l’agenzia di comunicazione online che ha fondato con Fabrizio Martire. E’ consulente di Expo 2015 per i social media e insegna a Digital Accademia e al Master in Relational Design. Negli ultimi 10 anni ha lavorato come consulente per alcune delle maggiori istituzioni culturali italiane e per il mondo dell’editoria (Biennale di Venezia, Mondadori, Fondazione di Venezia).
Ha insegnato e svolto attività di supporto alla didattica all’Università Bocconi, allo IUAV di Venezia e di San Marino.

Stefano Mirti

s.mirti@abadir.net
E’ stato professore associato presso l’Interaction Design Institute Ivrea. Dal 2006 al 2011 è il direttore della scuola di design NABA (www.naba.it). Dal 2008 è il responsabile del corso di design presso l’Università Bocconi di Milano (CLEACC). Al momento è direttore scientifico del master “Relational Design” per l’Accademia di Design e Arti Visive Abadir di Catania. Ha insegnato come visiting professor in numerose scuole italiane e internazionali (Politecnico di Milano, IUAV, Architectural Association di Londra, Bezalel di Gerusalemme, Chulalongkorn University di Bangkok, Virginia Commonwealth University a Doha e altre). Dal 2014 è il responsabile del Social Media team per Expo Milano 2015.
Dal 2012 è parte della commissione “multimedia” dell’ADI (Associazione Design Italiano). Scrive e collabora con alcune delle riviste di design più prestigiose (Domus, Abitare, AD, Hunch, Art4D, Shinkenchi-ku).

Eleonora Odorizzi

eleonora@italianstories.it
Eleonora Odorizzi è architetto, founder di Italian Stories, la prima piattaforma web che offre ai viaggiatori esperienze di visita e di conoscenza nei laboratori e con gli artigiani italiani. Come project manager, ha lavorato alla creazione di concept per la cultura e il design dell’esperienza, sia per il turismo e la ricettività che nell’ambito della comunicazione e in progetti espositivi. Ha collaborato con Muse, TSM, Centrale Fies. Come designer e come insegnante, ha lavorato per varie istituzioni sviluppando attività progettuali e formative nel campo del design, dello storytelling e della comunicazione culturale e aziendale.. Ha fatto parte del team di docenti del master Relational Design, ha tenuto workshop per il Politecnico Milano, Mart e Trento Rise.

Francesco Paoletti

francesco.paoletti@unimib.it
Professore associato presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca e docente in Organizzazione e gestione delle risorse umane. È membro italiano nel network internazionale Cranet dedicato al confronto delle prassi di gestione del personale nei paesi europei. Le sue principali aree di ricerca riguardano: i sistemi di gestione della prestazione e politiche di ricompensa, assetti organizzativi ad alta intensità di commitment, politiche di gestione del personale nelle imprese internazionali.

Aurora Rapalino

a.rapalino@abadir.net
Progettista, si occupa delle relazioni tra design, social media e formazione.
E’ laureata in Disegno Industriale al Politecnico di Torino e consegue un Master of Science in Interaction Design alla Delft University of Technology (TUDelft) nel 2012. Ha studiato anche alla Konstfack University, al Royal Institute of Technology (KTH) di Stoccolma, e alla Tongji University di Shanghai. Partner e CEO della società di design e comunicazione IdLab nella quale si occupa del coordinamento di tutte le attività di progetto. Ha tenuto numerose lecture in diverse università, tra cui: Bocconi di Milano, Politecnico di Torino, Politecnico di Milano, Università Cattolica, Iulm di Milano, Delft University of Technology.

Alessandra Saggin

alessandra.saggin@sdabocconi.it
E’ docente dell’area Public Management and Policy presso la SDA Bocconi School of Management di Milano (Scuola di Direzione Aziendale della SDA Bocconi) e psicoterapeuta.